Carta Sia per le famiglie disagiate. U. Montagna:”Il Comune di Varese è all’oscuro?”

Carta Sia per le famiglie disagiate. U. Montagna:”Il Comune di Varese è all’oscuro?”

Il Comune di Varese è all’oscuro?
povertà
Le politiche di contrasto alla povertà attuate dal governo si fermano nei Comuni. Da domani i cittadini poveri, potrebbero cominciare a presentare le domande per accedere al SIA Sostegno Inclusione Attiva ma i Comuni non lo sanno.Con la misura prevista nella legge di stabilita’ per il 2016 le famiglie disagiate nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o una donna in stato di gravidanza accertata potranno conseguire una Carta (denominata Carta Sia) con la quale effettuare acquisti di prima necessità come è avvenuto in passato nel progetto sperimentale che ha riguardato le 12 città più popolose d’Italia. Nello specifico la Carta elettronica di pagamento SIA sarà inviata ai beneficiari da Poste Italiane a seguito della verifica dei requisiti e dopo che l’INPS avrà dato disposizioni di accredito. Con la Carta si possono effettuare acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati al circuito Mastercard. E può anche essere utilizzata presso gli uffici postali per pagare le bollette elettriche e del gas oltre ad attribuire il diritto a sconti nei negozi convenzionati. Completamente gratuita, funziona come una normale carta di pagamento elettronica con la differenza che le spese, anziché essere addebitate al titolare della Carta, sono saldate direttamente dallo Stato.
La misura, stabilita da mesi e pubblicata sui giornali non è pervenuta al Comune di Varese tanto che interpellati i Servizi sociali la scorsa settimana dicevano di non averne mai sentito parlare. Oggi l’URP dice che i moduli non sono pronti! I moduli sono disponibili sul sito del Ministero anche quelli da mesi e aggiornati dall’Inps che valuterà le domande tenendo conto dell’ISEE che non dovrà essere superiore ai 3000 euro. Questa misura è veramente dedicata a coloro che hanno poco, comunque limitata nel tempo e nelle disponibilità. Leggendo i requisiti necessari per accedere si potrà verificare quanto la platea degli interessati avrebbe bisogno di risposte immediate che purtroppo non avrà per la solita insipeinza della burocrazia. Possibile che queste notizie non siano a disposizione dell’Istituzione che a questo dovrebbe dedicarsi?
Abbiamo segnalato la deprecabile situazione tramite messaggio sulla pagina FB del Comune di Varese all’assessore Molinari, affichè la notizia sia immediatamente recepita.
U.Montagna Circolo Destra Italiana Varese
 destra italiana
p.s.per chi avesse bisogno di approfondire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *