FN,Russo profughi non riconosciuti

Tratto da La Prealpina

Forza Nuova Provincia di Varese intende esprimere le proprie valutazioni in merito alle recenti tensioni nella struttura per richiedenti asilo di Samarate in Via Ollearo che hanno visto protagonista un ospite africano a cui, insieme ad altri tre, è stato notificato un avviso di cessata accoglienza. Il responsabile Russo Federico intende affermare: << oltre al danno la probabile beffa: prima questi individui adducendo una qualsiasi scusante alle autorità hanno per anni ingiustamente approfittato di mantenimento e favoritismi ora che la commissione competente ha bocciato in maniera definitiva le loro richieste di protezione internazionale dove andranno? Come la maggior parte di certo non abbandoneranno i confini nazionali finendo per essere sfruttati in mansioni lavorative sottopagate o diventando nuove braccia della criminalità organizzata. Questa è l’ennesima dimostrazione del fallimento di un sistema utile solo agli operatori della cosidetta economia di immigrazione ove il primo, non certo volontario, finanziatore è il contribuente italiano a cui nel contempo i diritti sociali diminuiscono giorno per giorno di più. Ogni samaratese, ogni lombardo, ogni connazionale ha il dovere di opporsi richiedendo fortemente un cambiamento pragmatico – riacquisizione della sovranità decisionale in materia di controllo dei confini nazionali, seri e concreti procedimenti di espulsioni, ri-concezione di un sistema assistenziale degno che tuteli prioritariamente i cittadini italiani – da cui ne consegue una seria immagine e rispettabilità, l’esatto contrario di oggi con lo Stivale meta ambita di approfittatori, sfruttatori, delinquenti di ogni genere. La nostra ambizione e quella di condurre il Popolo alla salvezza; il nostro volere è quello di non risparmiare alcuna energia al raggiungimento di tale nobile causa >>

Ufficio Stampa

Forza Nuova Provincia di Varese

Tel: 3387573557

Mail: varese@forzanuova.info

Facebook: FN Provincia di Varese / Altomilanese

forza nuova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *